02 mar 2017

Tra il dire ed il fare

Quante ne son passate di parole nelle mie orecchie e quante ancora ne passeranno, ricordo con passione le arguzie giovanili su divorzio ed aborto, le marce i referendum le conquiste di civiltà: vuoi mettere invece di ammazzare il coniuge ti puoi rivolgere ad un avvocato ed oggi puoi persino risparmiartene la spesa nonostante le alte grida della casta. E poi l'aborto, un business riservato alle cliniche private, quelle gestite dalle monache, finalmente concesso anche alle mortedifame del bobbolo e tolto alle loro mammane, anche se la casta in questo caso più potente di quella degli azzeccagarbugli è scesa subito in campo gridando alle discriminazioni, alla violazione dei diritti dei dritti ormai troppo storti per essere difesi ed allora si invoca la praivasi conquistata e l'obiezione per un grumo di cellule, figuriamoci se un domani si trattasse di eutanasia.
Il diritto di essere obiettore nell'ospedale pubblico per poter continuare ad agire secondo scienza e coscienza in quello privato, probabilmente codesti caporioni son così certi della loro potenza che possono permettersi il lusso di questo ed altro, come fecero a suo tempo quelli addetti ad arbitrare sulla corretta applicazione delle regole del gioco nel 1995 quando il nostro amato generoso immaginifico bobbolo si pagò un referendum dove stabilì che la rai doveva essere tutta privatizzata, ma si dimenticò di aggiungere la data in cui dovesse essere applicata la sua volontà. Che poi, con la giustizia thajana che ben ci rappresenta, sarebbe meglio prendersela con uno degli ultimi diritti concessi, quello sulla libertà di cremazione e spargimento delle ceneri che magari farebbero comodo da analizzare nella ricerca del DNA almeno entro i 50 anni dalla dipartita del de cuius.
Dire che è discriminante un concorso riservato solo a laureati desiderosi di applicare la legge 194 rilasciata al bobbolo nel 1978 può strappare un sorriso perché oggi la rabbia è contenuta dal movimento dei grillini, ma potrebbe sembrare un'offesa per tanti che ignorano l'esistenza del movimento e continuano ad alimentare questo sistema che in un modo o nell'altro è destinato ad un'amara conclusione.

 Con solo 20$ cambiatele stile e forma (un carino fai da te per lei)

12 commenti:

S. ha detto...

il mio è un non commento...
il Kit è bellino, sai se hanno anche la forma di fiorellino?

fracatz ha detto...

Buonanotte, buonanotte fiorellino
Buonanotte tra le stelle e la stanza
Per sognarti devo averti vicino
E vicino non ancora abbastanza

Gianluigi Rizzo ha detto...

Madonna mia sior tenente come sei zuccheroso in questo mondo dove si riesce a coesistere solo sotto le lenzuola.l

fracatz ha detto...

mai quanto te che nascondevi i tuoi veri sentimenti al pubblico al tempo della silvana,
https://www.youtube.com/watch?v=0aS1AM8DgN4

S. ha detto...

è sempre dolce fra...da diabete proprio ahahahah
ciao cari

Gianluigi Rizzo ha detto...

Ancora mi nomini quel morto vivente dove, come il popolo italiano, non è padrone delle sue azioni. Misericordia tutti si nascondono, tutti cancellano il loro passato....

Inneres Auge ha detto...

Io direi: obiettori di incoscenza.

Sara ha detto...

In effetti poi la cremazione sottrae il piacere di portare fiori al cimitero.

pasqualedimario ha detto...

a Frà me sembra che quantunque nei due ultimi post se sente aria de "riflusso" che se te ti ricordi in certi anni prima degli ottanta significava che li caporioni communisti avevano già comprato la ferrari.

quantunque. dice:che ce lo metti a ffà ?
quantunque è pe ffa vvedè che nun so no sprovveduto.

non sono un robot

pasqualedimario ha detto...

a Frà me sembra che quantunque nei due ultimi post se sente aria de "riflusso" che se te ti ricordi in certi anni prima degli ottanta significava che li caporioni communisti avevano già comprato la ferrari.

quantunque. dice:che ce lo metti a ffà ?
quantunque è pe ffa vvedè che nun so no sprovveduto.

non sono un robot

happysummer ha detto...

Sai, ho la sensazione che - appena arrivino lassù in alto in alto - neanche ci vedono più o, se ci vedono, ci considerano dei piccoli stupidi senza cervello e giocherelloni.

happysummer ha detto...

E loro come gli Angeli da lassù si prendono cura di noi, decidono cosa sia giusto o sbagliato per noi, ci esortano a fare la loro volontà con le buone o con le cattive. Insomma, ci ''governano''...