16 feb 2017

Patata bollente

Patata bollente, roba d'altri tempi che nell'immaginario collettivo odierno, essendoci di molto rilassati ed interconnessi, ha perso financo quel significato educato da usarsi al posto di: rogna, gatta da pelare o del volgarissimo e plebeo cazzi da cagare. Oggi anche i mortidifame, grazie all'aiutino dell'interconnessione possono far viaggiare la fantasia dando altri valori e significati alle parole, mentre per chi ha vissuto prima dell'interconnessione e si è dovuto sudare la vita giorno dopo giorno mantiene ancora il vero significato. Ai tempi dei tempi, quando ancora in NOI beltà splendeva, le patate venivano bollite rigorosamente con la buccia ed una volta lessate nel solito pentolone più grande, in quanto le famiglie eran numerose, occorreva sbrigarsi a pelarle, perché da fredde o tiepide la pelle non si sarebbe staccata con facilità. Ecco quindi che la mamma chiamava in aiuto i soliti figlioli volenterosi e, messo il pentolone sul tavolo, tutti prendevano le patate bollenti, soffiavano sulle dita e pelavano, pelavano, pregustando i bei piattoni di gnocchi o d'estate le belle insalatiere con pomodori e cipolle. E' chiaro che anche i figlioli meno volenterosi poi avrebbero partecipato alla suddivisione del bene, perché allora, mancando la interconnessione, quello era uno dei pochi beni, anzi alla luce dell'esperienza che si matura vivendo, consiglio alle mamme odierne di non sollecitare i loro figlioli meno volenterosi, perché tra di loro in una percentuale del 5 o 10 per cento può nascondersi l'artista, il politico, il principe dei fori, il futuro anchor man che le renderà orgogliose e le ricompenserà delle loro dure decisioni nel diverso trattamento della prole.
Che dire, col tempo e poi anche grazie all'interconnessione, cambia il significato delle parole, delle frasi, basta che facciate una ricerca con google immagini per rendervene conto, oggi non è più nemmeno corretto gratificare chiunque con l'epiteto "sei una grande testa", oppure "che testa" parlandone in terza persona, occorre occhio, accortezza, stare attenti insomma. Negli States imparai a mangiare le patate dolci che si consumano con tutta la buccia, quindi da pulirsi bene prima di metterle a lessare, mentre andando a mangiare fuori casa non mi negavo mai una baked potato, una cosa che può lasciare il suo bel ricordo ed è per questo che l'ho voluta immortalare qui nel mio spazio. Che tristezza, che smosciamento le patate odierne, le mie e della consorte, dopo tanti anni le mettiamo a lessare già pelate, anzi, oggi, per affrettarne la cottura le tagliamo anche a fette prima di metterle nel minuscolo triste misero e freddo pentolino. 
Invece le patatine, quelle sì che non riesco a privarmene, questo perché da bambino quando furono inventate, non me ne comprarono mai e dovevo risparmiare sulla paghetta settimanale per averle, capirai costavano più del cinema parrocchiale, certo erano fatte con le patate vere, abbruzzesi, mentre queste che mi compro di nascosto perché la consorte dice che mi fanno male per via dell'età e che poi tiro fuori alla sera davanti alla tv mentre ci si prepara per la cena chissà cosa contengono.  
 
L'inverno è ancora lungo quest'anno, non fatevi mancare le giuste coperture


15 commenti:

S. ha detto...

effettivamente, da ingenua ragazza di una volta, nel titolo incriminato avevo dato il significato di " grattacapo" e non ci avevo visto nulla di scandaloso...la malizia è negli occhi di legge, ma anche di chi vuole creare fumo, per non parlare di altre cose ben più interessanti.
Sulle coperture, sei arrivato tardi...già spopolavano anni addietro

fracatz ha detto...

Sì, però quest'anno fa tanto freddo, erano anni che grazie al vaccino non mi ammalavo, ma quest'anno devono aver sbagliato, ci hanno vaccinato per qualche altra cosa e così mi son ricordato di provvedere alle coperture

Mariella ha detto...

Che si può fare se le patate le si adorano cotte in tutti i modi?
Io ad esempio preparò un "gaetau" buonissimo, ma prima le lascio raffreddare.

Sara ha detto...

Io le cucino al microonde.Più che bollenti, lesse!

Gianluigi Rizzo ha detto...

Io le friggo ma escono sempre flosce. Più che mangiate si ha voglia di infilarle nella tua copertura così almeno te lo tiene caldo....e lo riempie visto che i nordici ce l'hanno più grosso. Ciao sior tenente...:))))

fracatz ha detto...

ciao gianluì, stai bene sì?

happysummer ha detto...

Sì, è vero che tante parole hanno acquistato un significato nuovo, e sicuramente non si tratta di un significato migliore... Certo la maliziosità di chi scrive o legge certe frasi gioca anche un ruolo fondamentale...

happysummer ha detto...

Tanto per fare un esempio, chi potrebbe usare la comune e banale frase' sta sereno' per tranquillizzare qualcuno? :D

Inneres Auge ha detto...

Ah le patate abruzzesi, le nostre patate so' le migliori! Bravo. Se non fosse stato per Cristoforo Colombo, che sbagliò la rotta, chissà come sarebbe andata a finire. Può darsi che noi non avremmo conosciuto la patata.

Gianluigi Rizzo ha detto...

Si sior tenente, tutto ok.

pasqualedimario ha detto...

i remi in barca, il rompete le righe invece che rompete i coglioni allo sciocco governante che da efficiente kapo' roppe le palle ai sudditi. è finita ! poi allungà il brodo quanto te pare ma viene sempre più sciapo. il piddismo è finito e con esso tutti i politici zozzi
I POLITICI STI LADRI ZOZZI, LI MORTACCI LORO, L'ITALIA E' UN POPOLO DE STRONZI ! - YouTube
https://www.youtube.com/watch?v=ZwdnQNexRJ4
Intervista di "All News T9 INFO" ad un cittadino romano, il quale in genuino e colorito romanesco dichiara la cruda e schifosissima realtà sociale e politica della bigotta nazione Italiana. Da premio Oscar l'altrettanto veritiero finale: "Stamo messi male... purtroppo l'italiano è così... è un popolo de stronzi !"

pasqualedimario ha detto...

ce se capisce sempre meno co' ste rivoluzioni industriali 4.0 spacciate dai soliti caporioni per cui

I POLITICI STI LADRI ZOZZI, LI MORTACCI LORO, L'ITALIA E' UN POPOLO DE STRONZI ! - YouTube
https://www.youtube.com/watch?v=ZwdnQNexRJ4

Intervista di "All News T9 INFO" ad un cittadino romano, il quale in genuino e colorito romanesco dichiara la cruda e schifosissima realtà sociale e politica della bigotta nazione Italiana. Da premio Oscar l'altrettanto veritiero finale: "Stamo messi male... purtroppo l'italiano è così... è un popolo de stronzi !"

happysummer ha detto...

Dopo tutto questo clamore cerco di stare ancora più attenta alle parole che uso... Ad esempio, io adoro il cibo bollente, non caldo ma proprio bollente, dalle bistecchine, al caffè, alle patatine... Non potrò più pronunciare che vorrei patatine bollenti :D

pasqualedimario ha detto...

I POLITICI STI LADRI ZOZZI, LI MORTACCI LORO, L'ITALIA E' UN POPOLO DE STRONZI ! - YouTube
https://www.youtube.com/watch?v=ZwdnQNexRJ4
Intervista di "All News T9 INFO" ad un cittadino romano, il quale in genuino e colorito romanesco dichiara la cruda e schifosissima realtà sociale e politica della bigotta nazione Italiana. Da premio Oscar l'altrettanto veritiero finale: "Stamo messi male... purtroppo l'italiano è così... è un popolo de stronzi !"

fracatz ha detto...

a Pasquà, ma questa è robba vecchia, robba de prima d'a rottamazione, oggi la politica è tornata nelle mani del bobbolo, come sempre d'altronde