25 giu 2015

Il gioco delle parti

C'era una convenzione, perlomeno qui a Roma sul trenino di Fiumicino, quelle rare volte che passava il controllore a verificare i biglietti, che se per caso trovava un mortodifame senza biglietto e senza documenti costui scendeva educatamente alla prima fermata e poi risaliva sul treno successivo con una perdita di tempo per lui di 15 minuti nei feriali e 30 nei festivi. Una convenzione ragionevole soddisfacente per entrambe le parti, tanto che viaggiavano tutti tranquilli senza dover stare allertati per vedere dove si trovava il controllore, per spostarsi rapidamente dalla parte opposta del treno. Per i non mortidifame (tipo studenti, donne distratte al cellulare che dimenticano di obliterare il biglietto prima di salire) invece, qualora fossero stati così pigri da farsi beccare, erano 50 euri (oggi 200, esosi estortori) di multa oppure se il controllore era magnanimo obliterava lui il biglietto od addirittura ne vendeva uno agli sprovvisti.
Oggi invece, sull'onda emotiva del machete, hanno messo un vigilantes che accompagna il controllore che pertanto è obbligato a svolgere in pieno la sua funzione e fino a che non ha buttato giù dal treno tutti i portoghesi non si riparte. Certo si viaggia respirando aria migliore, però con una certa perdita di tempo, sarebbe meno costoso recintare l'area di salita e discesa passeggeri in ogni stazione e costringerli a passare da un unico punto ingresso/uscita in cui piazzare un addetto al controllo biglietti.
La società civile si dissolve se si lascia ai delinquenti od ai mortidifame il controllo del territorio, ché prima o poi arriverebbero nelle alte vette dello stato con grave pericolo anche per chi esercita il potere tra una mazzetta lecita ed una non. Non si possono liberare orsi nei boschi e poi meravigliarsi che questi assalgono i cittadini pagatori di tasse, così come continuare a piantare alberi di alto fusto sui bordi delle strade e poi piangere ai funerali del solito sfigato che s'è beccato il ramo sulla testa mentre camminava tranquillo sul marciapiede. Quando si fanno questo tipo di scelte bisognerebbe avere la dignità di starsene nascosti o perlomeno di non mostrare le lacrime, ma tornare a fare i caporioni di una volta, quando si costruivano le torri di avvistamento lungo le coste per proteggersi dai furti dei mortidifame che sbarcavano di notte dai barconi pe' arrubbasse quel poco che trovavano: qualche pecora, un carro, qualche cassetta di pere. Investire di più in torri e castelli costieri e smetterla con le stronzate degli orsi, dei lupi , degli alberi d'alto fusto lungo le strade.  e delle sceneggiate televisive per le menti immaginifiche

18 giu 2015

cookies

Una parola importata dall'inglese e per convenzione in italiano, se al plurale, va scritta senza la s e di genere maschile il cookie i cookie.
I più pignoli tra i gonzi, visto che se ne parla in abbondanza, avranno cercato prima la traduzione e poi magari una spiegazione valida a tutto il rumore generato qui sul webbe e questo perché il mondo evolve, avanza ed i radical check non possono lasciarsi sfuggire una qualsiasi occasione per dire la loro, che poi è sempre l'unica, essendo loro gli unici autorizzati dai loro sudditi a scandire i comportamenti di tutto un bobbolo di immaginifici.
Invece dovrebbe essere il costruttore del browser (il programma usato per navigare) ad avvertire i gonzi che lo usano ogni volta che lo lanciano con un messaggio del tipo " Attenzione arricordateve che voi sete voi e nun contate un cazzo, se non per arricchire le varie authority che vi pascolano, vi mungono, tenendovi sempre sotto controllo e che siccome al mondo nulla è aggratis accontentateve de navigà con mezzo schermo occupato da avvisi pubblicitari.. ." e poi mettere un pulsante "continuare"??? SI NO
Infatti i browsers o navigatori originariamente erano disegnati solo per visualizzare files e non consentivano assolutamente la scrittura di files sul proprio disco regola primaria in una rete aperta a tutti, anche ai delinquenti, ma poi si decise di fare di internet un grande business e così oggi con il browser, i siti più cattivi ti possono mettere persino dei virus sul tuo disco mentre quelli più buoni si limitano a scrivere i portali che visiti per poi mandarti la pubblicità più mirata alle tue esigenze, insomma se visiti solo siti porno, come nel mio caso, ti arriva pubblicità dai più grandi porno_negozi in rete + le offerte del viagra e del cialis. Oggi sul browser ce deve da magnà un sacco de gente e non solo gli sviluppatori del suo codice e se si vuole eseguire con esso anche le transazioni bancarie da casa bisogna avere molta fiducia nella propria buona sorte, altro che il messaggetto deciso dal garante piuttosto fuorviante ed incomprensibile ai più.

11 giu 2015

Play list 2 del 2015

Il tempo corre, vola, passati gli anta, i giorni si rincorrono per nostra fortuna sempre uguali e siamo quasi in estate, è  quindi giunto il tempo di rilasciare la seconda play list di questo anno che spero continui ad essere magnifico per tutti voi che mi leggete. Non crediate che me ne esco così con la solita play list perché non avevo un cazzo di nuovo da raccontarvi, con tutto il piano di rientro dal grande buco, le grandi riforme innovative, la spending review ed i bombardamenti dei barconi vuoti che sto approntando per il comando. Ore ed ore di ascolti per poter scegliere per voi il meglio per farvi compagnia nei vostri brevi spostamenti, ma anche nei vostri viaggi, per tirarvi su il morale nei momenti grigi, a volte bui che vi passa il vostro misero stato di consumatori.    Mp3 files for aficionados, as usual.


  1)  Cobra Starship   Never been in love
  2)  Midge Ure          Breathe
  3)  U2                     Every Breaking wave
  4)  One Republic      I lived
  5)  Sam Smith         I'm not the only one
  6)  Fedez                Magnifico
  7)  Madonna           Ghost Town    
  8)  Sheppard           Let me down easy    
  9)  Meghan Trainor   Lips are Moving
10) Ellie Goulding       Love me like you do
11) Jovanotti              Sabato
12) Chiara                 Straordinario        
13) Maroon 5             Sugar
14) Murs - Lovato       Up
15) Jess Glynne         Hold my hand

Questo ascolto di musica è l'unico che ti connette con il tuo Sè, approfittane

04 giu 2015

I lavori dell'immaginifico


Come è possibile che ancora c'è gente che si lamenta e frigna per la mancanza di lavoro? Per vostra conoscenza vi riporto tutti i lavori scaturiti dall'immaginificità thaljca e che hanno dato opportunità di reddito ai nostri figli nel gestire le relative pratiche e/o certificati qualora uno avesse la necessità di ampliarsi il cesso di casa. 
Lavori adatti alle esigenze moderne, inventati da vecchi burocrati proprio per i nostri giovani che non amano sporcarsi  le mani :
1) Certificato energetico A.P.E.
2) Frazionamenti e ristrutturazioni non più onerosi
3) comma 344 ristrutturazione globale edificio
4) comma 345a coibentazione
5) sostituzione infissi diversi da quelli comma 345b
6) comma 345b sostituzione finestre
7) installazione pannelli solari termici
8)  comma 347 sostituzione impianti termici
9)  compilazione C.I.L.A. 
10) compilazione S.C.I.A
11) compilazione D.I.A.
12) Autorizzazione paesaggistica
13) Nulla osta catastale
14) Perizia fonometrica N.O.I.A. nulla osta impatto acustico
15) Autorizzazione insegne luminose
16) DVR documento valutazione rischi
17) DUVRI doc. unico valutazione rischi interferenziali
18) PE piano emergenza e rischi incendi
19) POS piano operativo di sicurezza
20) verifica impianti elettrici e messa a terra

Per non star poi ad elencare tutti i vari bolli e bollini che necessitano per l'andamento della casa, senza dei quali si ferma tutto perché si viola la legge.
Tenete presente che tutti questi boni obblighi si sommano a quelli che già c'erano ai tempi dei nostri padri ed altri se ne sommeranno nel futuro, insomma grandissime produzioni di carte, disegni, marche da bollo e parcelle per i nostri cari giovani.
Come son venuto a conoscenza de tutto 'sto bailamme, ve chiederete voi?...
è molto semplice, il solito condomino zelante vicino di casa mi ha denunciato per rumori molesti, disturbo della quiete insomma, perché col passar degli anni i miei intestini si son altamente modificati ed ogni tanto emettono autonomamente incontrollabili rumori ed allora ho dovuto chiamare il tecnico preposto che, fatti gli opportuni rilievi, mi ha rilasciato il N.O.I.A. attestando che i suddetti rumori rientrano nella norma per cui posso dormir tranquillo