16 nov 2017

Instabilità psichiche

Che figura! Che figura ragazzi! 
Ma insomma, un po' di orgoglio, un po' di amor proprio!
Ma come, prima je sete annati a rompe er cazzo co' Garribardi e oggi rinnegate il tutto? 
Tradite la volontà dei Vostri padri, che da infelici je tiravano persino la stampella? E dei trecento giovani e forti Ve ne sete scordati?
Ma l'avete mai vista la reggia di Caserta? E la funiculare?
Per non parlare poi di NOI, qui in semiterronia che ar tempo der pappa re eravamio si e no 50.000 co' più chiese che case e cor boja (der pappa re), er mastro Titta, sempre ar lavoro, nun c'era trippa pe' delinquenti e stavamio sicuri sia di qua che poi nel di là cor paradiso assicurato. 
Ma perché nun c'avete lasciati ar nostro misero destino ed adesso, dopo 150 anni de Vostro governo centrale, dopo che Ve sete fatti corrompe dai nostri mafiosi e ve sete magnato tutto ce vulete abbandunà, manco fossimo appestati o peggio, migranti. 
Nun è che pe' obbedì alla voce del destino o pe' mantenevve all'altezza coi tempi quanno ovunque le civiltà occidentali fiorivano e si rafforzavano ve sete sentiti obbligati a venicce a fà 'sta sceneggiata pe' poi decideve pure a arinnovà er mandato come che niente fusse, così, alla "chi ha dato ha dato, ha dato", visto che le arti terroniche le avete imparate tutte, nun ve scurdate però che con NOI del partito degli under 70.000, i malfattori vengono perseguiti e costretti a restituire il malloppo, mentre i giullari riescon sempre a strapparci un sorriso, anche se con un certo costo, il costo di un referendum per incensar le menti del nostro amato generoso immaginifico bobbolo. 
A proposito, nel lontano 1995 il bobbolo si pagò anche un referendum in cui stabilì che la rai doveva esser tutta privatizzata, doveva, però solo NOI, del partito degli under 70.000 abbiamo nel programma la vendita totale del suddetto ente e l'abolizione del cosiddetto canone, come mai che Voi così arrispettosi della volontà bobbolare dopo anni ed anni de sano governo sotto ar cavajjere nun ve ne sete mai arricordati?

Stateve attenti ar gatto

09 nov 2017

C'è chi può, chi capisce

C'è chi può, chi capisce e triste invece per chi non vuol capire e si ostina a voler ottenere cose o comportamenti come se le cose qui da nojos andassero nel verso che ognuno di noi si prefigge nella propria mente. C'è un onesto cittadino che voleva vendere la pizza ed ha dovuto ripiegare sul più misero mestiere di scrittore e chi invece conoscendo profondamente il paese in cui vive ed i suoi abitanti, non ha alcun tipo di problema a realizzare i propri sogni, ricevendone plauso, onorificenze e consensi. Per non parlare poi dei disonesti, coloro che risultano nullatenenti, costoro possono permettersi qualsiasi truffa nel campo civile, rischiando nulla, come alcuni amministratori di condominio, occupanti abusivi, inquilini morosi, amministratori di società che chiudono senza far bancarotta, direttori di banche, etc. I migliori son quelli che sanno sempre tutto, anche quello che ancora dovrà avvenire, tanto quando si verificherà, pur additati come responsabili continueranno a vivere tranquilli più di prima: ma insomma, sei pagato per controllare, vigilare, reprimere i truffatori e poi nonostante la pubblica condanna nelle aule parlamentari non vieni espropriato di tutti i tuoi averi e chiuso al gabbio, ma allora perché continui ad essere pagato profumatamente? Ah, già, non ci avevo pensato, per prenderti sul tuo gobbo tutta la responsabilità morale dell'impoverimento di migliaia di cittadini. In un'era elettronica dove tutti vanno in giro con un apparecchietto in mano, cosa vuoi vendere, ancora i libri. Figuriamoci allora i poeti come me quando magnerebbero co' la loro poesia, per fortuna che io so come funziona il mondo e dall'alto del mio eremo riesco ancora a farmi qualche risata come quando incappo nei maniaci dell'ordine, della legalità: ma allora tu me provochi, proprio te ostini a non voler capire, te entra dappertutto fuorché ner cervello, te l'ho detto cento volte che a me me piace er tavolo tutto pieno de mollichelle, i tavoli intonsi e stirati me manneno er sangue alla testa me manneno, mica che so' tedesco, IO.


E se capitate all'ikea non fateve sfuggì l'accessorio d'arredo

02 nov 2017

Precisazioni

Devo precisare alcune cose riguardo il punto del nostro programma sul trattamento del fenomeno migratorio espresso nel post del 28 settembre.  A volte non entro nei dettagli perché penso che sia superfluo in quanto ognuno ha la possibilità di far funzionare il proprio cervello, quindi per non sembrare persona superficiale, son costretto ad un minimo di chiarimento. Diciamo che per il pensiero di un essere umano libero non esistono religioni o nazioni, ma solo altri esseri umani che si dividono in due categorie, buoni e cattivi. In genere la maggioranza dei buoni è schiacciante, almeno un buon 80% e ne abbiamo testimonianza da tutti i film western che ne hanno parlato. Il cattivo, per quanto possa esser veloce con la pistola, prima o poi trova uno che è più veloce di lui e viene eliminato dalla società civile. Questo sembrerebbe non valere per le nostre mafie e per questi poveri esseri con i loro 5 o 6 pargoli al collo che ci arrivano dal mare, magari lì da loro le proporzioni sono alterate da anni di governo da parte dei cattivi che con leggi speciali e burocrazie assurde hanno disarmato i buoni, impedendo quei sani conflitti a fuoco che riequilibravano la situazione. Per NOI del partito degli under 70.000 esistono in queste situazioni soltanto due leggi: ogni essere umano può girare armato ed è autorizzato ad applicare la lex talionis, niente più volgi l'altra guancia oppure non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te, ma spara pure tranquillo, prima o poi i cattivi saranno eliminati.
Ecco il perché del dono della pistola e dei 10 colpi, un dono simbolico, autoesplicativo, che i raziocinanti capiscono ed apprezzano. NOI del partito degli under 70.000 ci pregiamo di risolvere i problemi alla radice ed è per questo che siamo malvisti dai veri caporioni, dai malfattori e dal bobbolo tutto, che aspira giustamente a diventare caporione e passare con diritto tra gli over. Non accadrà mai che uno dei nostri iscritti si affacci dal balcone e si metta a gridare urbi et orbi che bisogna accogliere tutti, senza analizzare il modo di farlo, trovare i quattrini o dire a chi toglierli, organizzare la cosa, distribuire questi quattrini a chi onestamente non se li freghi e poi con uno sguardo alla dimensione del nostro territorio stabilire un limite maximo di umani per chilometro quadrato. Non accadrà mai che un nostro adepto, uscendo dall'eremo velletrano si fermi lungo le vie a dividere i propri vestiti, le scarpe, l'orologio, il tablet o il cellulare con i tanti derelitti mortidifame che incontra lungo la strada, perché nel nostro programma, il programma del partito degli under 70.000 non esistono derelitti e mortidifame presenti sul territorio e se qualora ve ne fossero questo è riconducibile solo a se stessi, perché l'essere umano è sì raziocinante, però ha avuto anche il dono del libero arbitrio o reverso context per i migranti.

Ma dai, su, 7 cm sono sufficienti, bastano

26 ott 2017

Esuberanza giovanile

Dovevo assolutamente crearmi un profilo su Splinder per restare al passo coi tempi e continuare la mia evoluzione umana, così cominciai col digitare come alias o nickname nella sequenza di importanza il nome dei migliori condottieri, degli scienziati, degli storici, dei matematici, ma erano tutti indisponibili, già stati presi da altri umani, allora per curiosità provai con Fracatz, convinto che anche il vero glorioso frate Fracazzo fosse già stato acquisito e Splinder invece mi  accontentò, però quanti imbarazzi nonostante la possanza del nome. Per evitare i soliti cloni, poi, monopolizzai il nick su tutte le piattaforme allora disponibili, compreso facebook che stava nascendo. Sembrerà incredibile, ma proprio su facebook e su youtube non appena mi cancellai perché volevano addirittura un mio cellulare per poter localizzare i miei spostamenti, un tedesco si appropriò del nick. Capisco quindi l'imbarazzo del mio alias e non biasimo chi si prende la libertà di modificarlo in "fraticello" o più confidenzialmente in Frà, cosa volete, anch'io nella mia lunga vita fui attenzionato e molestato qualche volta, per questo oggi posso confermare l'esistenza di quel 10% di femmine sparse tra le donne, in genere quasi insignificanti dal punto di vista attrattivo, ma caratterialmente forti, come quell'unica volta che ebbi per capetto una donna, una femmina e fu dura, veramente dura. A me fanno ridere quelli che si affacciano in tv e ti dicono di denunciare, denunciare, magari anche dopo 20 anni che te l'hanno succhiato contro la tua volontà: ma cosa vuoi che possa denunciare in modo credibile  un uomo, un maschio, quando il pensiero generale è quello che tutto fa brodo, purché ancora respiri o sia almeno tiepida. E la famiglia? Ci pensate alla famiglia? Vaglielo a spiegare alla consorte del duro momento che stai vivendo sul luogo di lavoro, non resta che stringere i denti, ma non troppo e tirare avanti sperando che il tempo lavori a nostro favore.  

E ridi, ridi, che mamma ha fatto i gnocchi

19 ott 2017

Che sia benedetta


Che pozzi esse sempre benedetta
l'anima santa de chi ha inventato
'sta racchetta
che me po' fa sta in giardino a rilassà
e fumamme tranquillo quarche sigheretta.
Che tu sii benedetta.......
Alla faccia della ciquicugna e della malarietta
e benedetta pure la pancia che per nove mesi
 se la tenne stretta 
che tanto a me la sera è lunga e nessuno mi aspetta, 
per quanto assurdo Vi sembri, neanche per una misera birretta.
Ma io te tengo stretta......
speciarmente mo' che c'hanno arripulite le piste p'annà in bicicletta
lungo l'argine der sacro fiume de 'sta città sacra e maledetta
regno assoluto de 'a zanzaretta   


Piccoli ma bboni

12 ott 2017

Barcelona

Poteva mai mancare il mio commento, un mio piccolo pensiero su vicende così drammatiche che da mesi riempiono migliaia e migliaia di giornali e di trasmissioni televisive?.Almeno IO non sono mai stato un menagramo, mi piace rimarcare quel minimo di comicità emanata dagli avvenimenti quotidiani, ma mai mi sognerei di levare il mio alto monito su vicende inevitabili tra chi è costretto a sudarsi quel tozzo di pane giornaliero mentre altre categorie più fortunate si prendono tutti i giorni l'indennità di rischio per quelle rare volte che capita di lasciarci la pelle, IO so che potrei sembrare un portator di jella, un menagramo che mentre parla accelera il tragico destino di altri due, destino designato dalle scienze statistiche ed allora perché continuare a prendere in giro gli operai che non percepiscono indennità di rischio ma inevitabilmente ogni anno se ne vanno almeno in 1000? Non è carino, può essere apprezzato solo da chi come me ne vede il lato comico e non potrà mai e poi mai assurgere agli scranni per mancanza congenita di serietà come a Barselona od in padania dove non si vedono volti fisiognomici lombrosiani grazie alla chirurgia plastica. A Barselona è risaputo da sempre che la vita è bella solo se la borsa suona e non che la vita è bella perché a tutti la borsa suona e cosa posso aggiungere di più a queste semplici ed esplicative parole; quello che mi meraviglia son sempre i mortidifame del nostro amato generoso immaginifico bobbolo che continuano ad agitarsi ed andare a votare sempre per le stesse facce anche se collegate a partiti o movimenti diversi negli anni, tutta gente già vista all'opera quando venne il loro turno, abilissimi nel circonvenzionare le menti dei derelitti ma poi sempre pronti a calare giù il loro canguro al momento giusto, quando si decide sui loro destini, sulle loro indennità, sulle loro responsabilità civili. Cosa cercano questi bobboli latini? Perché non si accontentano del lato comico delle cose, diciamo che rischiano molto di più la pelle le loro donne (oltre 50 femminicidi ad oggi) che non coloro che si beccano l'indennità di rischio alla faccia degli operai che gliela pagano con i loro sudori. Hanno per caso visto cosa ha fatto la germania, quando si dovette far carico dei mortidifame separatisti dell'est? Come mai quelli si uniscono ed invece loro vengono aizzati alla divisione? 
Perché non si battono per un referendum per farsi annettere dalla germania, come abbiamo in programma solo NOI del partito degli under 70.000 ?
Se solo il nostro bobbolo avesse più equilibrio, si poterebbero puro riorganizzare i trasporti bubblici che tanto ci costano A NOI pagatori di tasse. Altro che assunzioni di parenti ed amici all'atac. LIBERALIZZAZIONI e carta bianca a chi ha spirito imprenditoriale (vedi figura)


 Esclusivamente per le mie fan storiche consolidate

05 ott 2017

6 x 9 = 53

L'ho sentito dire su RDS tempo fa da una concorrente del giochino dei 30 secondi, concorrente che poi nella vita lavora, a suo dire, in uno studio di commerci-a-vista. E' chiaro che oggi senza il computer non si va da nessuna parte, quindi invece di smenarla con i quiz per essere ammessi al numero chiuso e poi ri-smenarla in tutti i giornali col fatto che abbiamo il numero di laureati più basso di tutti gli altri paesi europei, sarebbe meglio tornare alle sane bocciature di una volta che selezionavano fin dalle elementari i giovani desiderosi di studiare, evitando delusioni a tutti i morti di fame che escono a stento dagli studi universitari e poi senza santi in paradiso si ritrovano senza arte né parte a casa dei loro genitori ma più impoveriti per i soldi buttati. Il nostro partito degli under 70.000 ha nel programma l'abolizione dei quiz, ma fa pagare le tasse di iscrizione in base al curriculum scolastico, dal gratuito per i migliori al doppio del costo reale per i meno bravi, perché non si tratta mica di bruscolini, anzi analizzando a fondo i costi A NOI contribuenti oggi, che fortunatamente abbiamo una valuta forte, costa meno una bombetta all'idrogeno da comprare in corea che un corso di laurea per un ritardato, oppure uno spettacolo pirotecnico di chiusura estate come quello di Muravera a chiusura della festa di S. Agostino, generosamente offerto dalla cittadinanza a dimostrazione che ormai la crisi è un lontano ricordo.

Ecco cosa significa avere una valuta forte, ora 1500 dollari non fanno più paura

28 set 2017

La questione migranti

Grazie al sole sardo mi son deciso a risolvere questo problema che da tempo affligge la nostra amata patria ed inserire la soluzione nel programma del mio partito, il partito degli under 70.000. Strano che le menti guida del nostro amato generoso immaginifico bobbolo, così sveglie nel pilotare gli appalti ancora non abbiano prodotto nulla al riguardo, una volta stabilito che il business dei migranti non è più sostenibile e che sarebbe bene aiutarli a casa loro. Ma se a casa loro i loro gentili caporioni si rifiutano di ricevere consigli ed aiuti, allora la frase in sé stessa perde di significato, ma è meglio non urtare la suscettibilità della gente e non farlo sapere.  
1) Affondamento navi che entrano in acque thajathane con migranti a bordo e che quindi compiono il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.
2) Trasporto occupanti su zatterone motorizzato da rimorchiarsi fino al confine delle acque libiche e lì rilasciato.
3) Fornitura di benzina per 1 ora di navigazione del zatterone.
4) Fornitura ad ogni migrante prima del rilascio del zatterone di un kit di sopravvivenza con viveri ed acqua per una settimana + una pistola con 10 colpi per combattere nei loro paesi quelle persone che li hanno ridotti a fuggir via ed un libro illustrato sul nostro risorgimento, perché magari pensano che la nostra civiltà e la dignità di vivere liberi ci sia piovuta dal cielo. E' chiaro che questi poveri esseri umani sottoposti da secoli di oscurantismo politico, religioso e culturale alla più barbara sopravvivenza debbono avere anche loro la possibilità di riscattarsi come facemmo noi nel 1848 e crearsi nazioni libere e democratiche in cui vivere in pace magari sotto regimi laici e democratici di ispirazione nordica.  Di certo, con me al comando, pur venerando la religione da loro liberamente scelta, non potrebbero più sfornare un figlio all'anno visto che oggi non hanno più la mortalità di una volta e gli spazi vitali vanno diminuendo per via degli sconvolgimenti climatici.

Mi raccomando mantenetevi sempre aggiornati con i miei giusti linki 

21 set 2017

Il lavoro c'è e si vede 2^

Chist'è 'o paese d' 'e sòòle!
Chist'è 'o paese d' 'o maare!
Chist'è 'o paese addò tutt' 'e pparole
Sò doce o sò amare,
Sò ssolo pparole toscane!
 E er lavoro de certo nun manca, infatti neanche hanno distrutto l'opera magnifica, illustrataVi nel post di due settimane orsono, che l'hanno subito ripristinata spendendoci sopra altri denari con i quali si poteva noleggiare una ruspa e spianare uno dei tanti terreni abbandonati vicini alla stazione per realizzarvi un parcheggio di scambio non necessariamente asfaltato. Eh' lo so che i lavori di minimo importo non interessano le amministrazioni elette dal bobbolo, però con NOI del partito degli under 70.000 queste storie finiranno ed il bobbolo sarà portato dai fatti ad usare di più il cervello.
Molto meglio quando in abissinia stendevamo i binari con 40° gradi all'ombra e le scimmie ci tiravano le noci di cocco piuttosto che combattere la burocrazia odierna forte delle 200.000 e passa leggi accumulatesi negli anni e NOI siamo pronti  a riportarle nei limiti delle 5.000 dei paesi civili che tirano avanti magnificamente con solo un decimo degli avvocati nostrani, 
perché l'opera, progettata in un momento di siccità, non ha retto all'impatto delle prime piogge e dovrà esser riveduta modificando le pendenze od installando delle idrovore che pòmpino via l'acqua se dovesse piovere. Nel frattempo, caro Antonio, nell'attesa dei prossimi interventi o che il nostro partito vinca le erezioni, tu continua a vivere dai tuoi, stai tranquillo, sereno, messaggiati giorno e notte aspettando il reddito di cittadinanza.

C'è sempre qualcosa da imparare dai nostri cari ragazzi

14 set 2017

Associazione del cappero romano

Se vi divertiste ad andare lungo le vecchie mura della città eterna al tempo della fioritura (giugno - luglio) i vostri occhi godrebbero di uno spettacolo irripetibile ed io che ci ho provato e riprovato negli anni a farli crescere nel mio muretto di confine immaginate come ci rosico. Niente da fare son piante che decidono loro dove è bello o non è bello nascere e poi svilupparsi, eh sì perché davvero non ce li ha piantati nessuno in quelle vetuste mura. Così il nostro spirito libero ci ha costretti a costituire codesta benemerita associazione, perché quest'anno, ma di certo anche in futuro,  occorrono volontari causa la siccità che ormai attanaglia il nostro territorio, son tre mesi che non piove ed il caldo fa impazzire i cristiani, figuriamoci i capperi. Le piante vicine a seccarsi, scarne, spoglie malnutrite necessitano di volontari muniti di scale e bottiglie d'acqua, con libertà di concimare con l'urea nei momenti di scarsa visibilità. Se volete aderire però dovete pagarvi un'assicurazione che vi copra dei danni eventuali a voi ed a persone o cose interessate dal vostro intervento, altrimenti potrete operare senza adesione di vostra spontanea volontà, rispettando però il nostro codice di comportamento, essenzialmente non rubare i boccioli, perché abbiamo in programma con l'associazione di ripianare il debito romano vendendo vasetti e vasetti di questi capperi ai turisti di tutto il mondo con il marchio  "Il cappero dei Césari" da NOI già brevettato.

Un sano esercizio contribuisce all'equilibrio individuale e poi non rompe